Luigi Aricò

luigi-arico-foto

Nato a Caltavuturo, nelle Madonie, il 6 ottobre 1957.

Vive e lavora a Cefalù, dove si è diplomato maestro d’arte presso l’Istituto d’Arte.

Interessato sia al mondo naturale che alla tecnica, curioso indagatore della realtà che lo circonda, ama il contatto fisico con le cose, che ‘smonta’ e ‘rimonta’.

Infatti realizza le sue opere, quadri e sculture, con materiale di riciclo: ferro, tronchi d’albero, vecchi residui di motori e macchine.

Nelle sue mani, questi lacerti naturali o artificiali acquistano nuova vita e nuovo significato negli assemblaggi che l’artista inventa. Nuove forme nascono dalle vecchie in sintonia con un mondo che muta presentando impreviste conformazioni.

“Nulla si crea e si distrugge in natura”.

E anche nelle mani dell’uomo tutto si trasforma, rispecchiando, in una eterna vicissitudine, gli interni moti del cuore e del pensiero.
Così l’uomo – grazie alla mano e la mente – diventa creatore all’interno del creato.